Storia del Murialdo

Se fossero già perfetti, perché educarli?

Lascia la propria eredità nella cura dei giovani, convinto che solo l'istruzione costruisce il futuro. Si dedicherà ai ragazzi tutta la vita, scrivendo «Se fossero già perfetti, perché educarli?»

 
Sacerdote, pioniere dell’educazione a favore dei giovani lavoratori e del movimento sociale cattolico, il nome di San Leonardo Murialdo è legato in particolare al Collegio degli Artigianelli. Attento alla dignità del lavoro ha fondato nel 1871 l'Unione Operai Cattolici e nel 1873 la Congregazione di San Giuseppe per aiutare i ragazzi poveri. Santificato nel 1970, è uno dei grandi Santi sociali di Torino e del Piemonte.

San Leonardo Murialdo nasce a Torino il 26 ottobre 1828. Il padre è un ricco agente di cambio, la madre una donna molto religiosa, dotata di una profonda spiritualità. A 5 anni resta orfano del padre, cosicché la madre lo invia, insieme al fratello maggiore Ernesto, per una solida formazione a Savona presso i Padri Scolopi, dove rimane dal 1836 al 1843, interrompendo gli studi a causa di una crisi morale e del rifiuto della religione.

Ritrovata la serenità a Torino, frequenta i corsi di teologia all’Università degli Studi e nel 1851 diventa sacerdote. Sceglie subito di impegnarsi nei primi oratori, guardando ai ragazzi poveri della periferia – prima nell’oratorio dell’Angelo Custode, fino al 1857, poi nell’oratorio di San Luigi, come direttore, dal 1857 al 1865.

Trascorre un anno di aggiornamento a Parigi, per rientrare a Torino nel 1866 dove si occuperà di giovani ancora più poveri e abbandonati al Collegio Artigianelli. Da quel momento, la sua intera vita sarà dedicata all’accoglienza, all’educazione cristiana e alla formazione professionale di questi ragazzi per i quali fonda nel 1873 la Congregazione di San Giuseppe (Giuseppini del Murialdo).

Nonostante le origini facoltose e gli agi della Torino ottocentesca a cui era abituato, sceglie di stare al fianco dei giovani bisognosi realizzando scuole di formazione professionale, laboratori di attività artigianali, colonie agricole e spazi di accoglienza come collegi e case famiglia, istituisce i primi centri di accompagnamento al lavoro simili in tutto e per tutto ai moderni uffici di collocamento dei giorni nostri. Primo in Italia apre le case famiglia per giovani studenti e operai.

Sostenuto da una solida formazione culturale e illuminato da una visione moderna del lavoro, fonda il primo settimanale cattolico di Torino, La Voce dell’Operaio (oggi settimanale ufficiale della Diocesi di Torino con il nome La Voce e il Tempo). Presenza significativa nel movimento cattolico piemontese, è attivo all’interno dell’Opera dei Congressi, è uno degli animatori dell’Unione Operaia Cattolica.

Muore il 30 marzo 1900. Viene proclamato santo nel 1970. La festa di san Leonardo Murialdo ricorre il 18 maggio.

La sua vita, dieci svolte

1851

Sacerdozio
Dopo una profonda crisi che gli fa rifiutare gli studi religiosi, si laurea in teologia a Torino, prende i voti e si impegna nell’Opera degli Spazzacami e degli Oratori.

1857

Oratori
Il primo impegno da sacerdote. Riforma gli oratori torinesi, introducendo la scuola elementare.

1866

Collegio Artigianelli
Diviene Rettore del collegio che istruisce e ospita ragazzi orfani e abbandonati dalle famiglie. Fiore all’occhiello sono i laboratori per tipografi, falegnami, scultori, sarti, calzolai, legatori.

1871

Movimento cattolico
Attivo nel nascente movimento cattolico, è in particolare attratto dagli ambienti considerati più ostici – il mondo operaio, i giovani, la stampa.

1871

Unione Operaia Cattolica
Collabora con la prima società di mutuo soccorso piemontese rivolta a operai, artigiani e commercianti che così accedono a cure mediche e sussidi. L’Uunione organizza un comitato di collocamento al lavoro e pubblica «La Voce dell’Operaio».

1873

Congregazione di San Giuseppe
Insieme ad altri chierici e sacerdoti, dà inizio alla Congregazione di san Giuseppe, che ha come patrono l’umile artigiano di Nazaret da lui considerato l’educatore esemplare di Gesù.

1878

Colonia agricola
Istituisce il centro che forma i ragazzi ai lavori agricoli in un podere modello, che vincerà molti premi per i suoi impianti di irrigazione all’avanguardia e la distribuzione razionale delle coltivazioni.

1878

Casa Famiglia
Apre la prima istituzione del genre in Italia, per ospitare i ragazzi diplomati al Collegio all’ingresso nel mondo del lavoro. Offre vitto, alloggio, svaghi, servizio di lavanderia. In seguito aperta agli studenti.

1881

Istituto San Giuseppe
Avvia l’istituto che deve accogliere i ragazzi più piccoli, prima che inizino il tirocinio professionale. Ospita anche giovani seminaristi e studenti di filosofia.

1883

Opera dei Congressi
Promuove la nascita di una Lega nazionale tra associazioni della stampa cattolica. Fonda piccole biblioteche popolari circolanti.

Sui media

Famiglia Cristiana, Un santo al giorno, 30.3.2012
Famiglia Cristiana, Centenario della morte, 30.3.2021